Attenti al lupo, ma anche alla “religione ambientalista” e alla politica miope

Attenti al lupo, ma anche alla “religione ambientalista” e alla politica miope

In forte aumento la popolazione di predatori. Esemplari avvistati a Fiumicino e nel modenese. Ancora al palo il piano di abbattimento selettivo promosso dal ministero dell’Ambiente

 

L’ultima battaglia della guerra tra allevatori e ambientalisti è stata vinta da questi ultimi: il Piano nazionale per ridurre la popolazione di lupi in Italia è stato bocciato dalle Regioni. Si dirà: è una bella notizia per la tutela del nostro patrimonio faunistico. In realtà, dietro questa vicenda si cela una buona dose di ipocrisia e affiora lo scarso acume di una parte della nostra classe dirigente.

Per essere obiettivi, per liberarci dai paraocchi ideologici, basta prendere in considerazione solo alcuni numeri: negli anni ’70 si contavano nella Penisola tra i 100 e i 200 lupi, tant’è che le guardie del Parco nazionale d’Abruzzo erano solite lasciare quarti di bue sulle cime innevate per sfamare il branco e assicurare così la conservazione della specie. Ad oggi, fortunatamente, la situazione è mutata: la popolazione si attesta sui 1000-2000 esemplari. Dato di per sé positivo, se non fosse per un preoccupante incremento annuo, che si aggira addirittura attorno al 25 per cento. Il contenimento di questa specie è divenuto ormai improrogabile: basti pensare che un branco staziona da tempo attorno alle reti dell’aeroporto romano di Fiumicino e nel modenese i lupi sono arrivati ad aggredire, oltre che il bestiame, persino i cani da guardia.

Di fronte a questa situazione, ci sono solo due soluzioni: delegare “de facto”, nel silenzio-assenso delle Regioni, la soppressione ai bracconieri e ai mandriani esasperati, che ogni anno uccidono il 15-20 per cento dei lupi, oppure predisporre un piano di gestione per le decine di branchi sparsi tra l’Appennino e le Alpi.

Sull’onda della “religione ambientalista”, come la definisce il biologo Luigi Boitani, per ora si è scelto di percorrere la prima strada. Perdendo così l’occasione, l’ennesima, per varare un provvedimento per la lotta ai fenomeni del randagismo e dell’ibridazione cane-lupo, la cattura e la cura dei lupi feriti e malati, la creazione di un nucleo di cani addestrati a scoprire i bocconi avvelenati disseminati dai bracconieri e sì, nei limiti del necessario, anche l’uccisione di alcuni esemplari da parte delle guardie forestali.

Ora la questione è sul tavolo del ministro dell’Ambiente, al quale spetta decidere come e quando riconvocare le parti in causa, cioè ambientalisti e Regioni, e facilitare un approccio meno pregiudiziale e più ragionato al problema.

Share this article

Panorama per i giovani

Cultura, economia, formazione, politica e scienza. E un occhio sempre attento alle bellezze, alle opportunità, alle sfide con le quali si confrontano giovani che vivono a Roma gli anni della formazione universitaria.

 

Una rivista on line, interamente realizzata dagli allievi del Collegio "Lamaro Pozzani", che cerca di partire da quello che ci interessa oggi per anticipare ciò che conterà domani.

Ultimi articoli